Bicchierini di carote con cagliata di mandorle e muesli salato

Qualche giorno fa ho sperimentato la ricetta di una nuova granola, questa volta in versione salata. L’ho proposta al corso che ho tenuto sabato scorso in provincia di Padova e ha riscosso molto successo. Forse più che granola dovrei chiamarla muesli visto che non ha la classica consistenza della granola ma è più simile ad un muesli… ad ogni modo, al di la del nome, posso assicurarvi che è davvero sfiziosa. Buonissima da sgranocchiare da sola e perfetta per completare tante ricette dando un tocco particolare e gustoso. In questo caso ho voluto utilizzarla per dare un tocco croccante a questi bicchierini fatti con delle carote marinate con succo di limone, olio e zenzero, serviti con della cagliata di mandorle. Ecco la ricetta, sia della granola che della cagliata di mandorle.

INGREDIENTI

Per la granola

  • 100 gr di fiocchi di avena
  • 50 gr di riso soffiato
  • 25 gr di semi di girasole
  • 25 gr di semi di zucca
  • 30 gr di semi di sesamo
  • 50 gr di mandorle
  • 50 gr di anacardi
  • 1/2 cucchiaino di semi di cumino in polvere
  • 1/2 cucchiaino di curcuma
  • 1/2 cucchiaino do coriandolo in polvere
  • 1 pizzico di pepe
  • 20 gr di olio di coco
  • 3 cucchiai di salsa tamari

Per la cagliata di mandorle

  • 250 gr di mandorle
  • 1 litro di acqua
  • 50 gr di succo di limone
  • 2 pizzichi di sale

PROCEDIMENTO:

Per la granola, riunite tutti gli ingredienti secchi in una ciotola capiente e mescolate bene. Aggiungete l’olio di cocco e la salsa tamari, mescolate nuovamente e fate cuocere nel forno precedentemente riscaldato a 160° per 25/30 minuti. Una volta pronta, sfornate la granola e fatela raffreddare completamente.

Per la cagliata occorre per prima cosa preparare il latte. Dopo aver lasciato in ammollo le mandorle per qualche ora, scolatele, buttate l’acqua dell’ammollo e frullatele a lungo con l’acqua prevista negli ingredienti. Filtrate con un’etamina il latte così ottenuto. Scaldate il latte e non appena raggiunge il bollore, spegnetelo e aggiungete il sale e il succo di limone mescolando. Coprite e lasciate riposare per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo vedrete che si saranno formati dei piccoli fiocchi. Versate la cagliata su un colino ricoperto da un panno pulito e lasciatela colare per qualche ora.

Una volta pronta, potete utilizzare la cagliata come preferite, caratterizzandola a seconda della ricetta dove la volete impiegare. Nella ricetta che vi propongo, è abbinata con delle carote tagliate a julienne e fatte marinare con olio, succo di limone e succo di zenzero.

Componete i bicchierini mettendo alla base le carote, aggiungete un paio di cucchiai colmi di cagliata e la granola.

Completate con dell’erba cipollina fresca.

 

Buon appetito!

bicchierino-granola-salata2
bicchierino-granola-salata3
bicchierino-granola-salata1
Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search